Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo
▲ Nascondi Menù
Ambiente e Sport
Artigianato e Sapori
Colora la tua vacanza
« Torna Indietro | Il Territorio : Dettaglio

Santuario Maria Ausiliatrice di Aprica

Santuario Maria Ausiliatrice di Aprica

Iniziato nel 1995, è stato consacrato dal vescovo diocesano mons. Alessandro Maggiolini il 30 maggio 1999. Sorge accanto all’antica chiesa parrocchiale di San Pietro a due passi dal valico, quale “devoto omaggio alla Madonna in occasione dell’inizio del nuovo Millennio”.

Il tempio, modernissimo e funzionale, consta di un pronao che funge anche da battistero e di un’ampia aula. Poggia su dodici emblematiche colonne, cui corrispondono altrettanti travi, che convergono a raggiera sopra il presbiterio, centro focale della chiesa per la presenza dell’Eucarestia e dell’Altare, al cui lato e posta la statua di Maria ausiliatrice realizzata nell’autunno del 2005. Una struttura arborea con le radici poste ai piedi della Madonna e con i rami che, dopo averla in parte avvolta, potessero correre orizzontalmente verso l’altare. Un albero simile a una vite, un breve tronco e poi lunghi viticci orizzontali sui quali potevano anche essere inserite, tra le foglie e i grappoli d’uva, altri frutti: i tondi ritratti dei santi. Molto luminoso ed accogliente, l’interno convoglia l’attenzione sull’unico altare di marmo e sul caratteristico tabernacolo che riproduce in lamine dorate una casa moderna. La luce penetra all’interno del santuario da numerose linee e superfici vetrate, dalle distinte geometrie, anche policrome. La scelta delle tonalità percorre il pentagramma dell’iride, cerca di fissare le distinte sfumature nel corso della giornata, delle stagioni. Dall’esterno il santuario non cela una voluta e dirompente nudità, che viene affidata ai codici materiali e geometrici che presiedono alla composizione dei fronti architettonici.


Al suo interno custodisce la reliquia di San Giovanni Bosco donata dalla signora Maria Luisa Diamani che l'aveva avuta in eredità da suo padre che a sua volta l'aveva ricevuta dai salesiani della casa salesiana di Alassio, luogo dove lui insegnava. Gli era stata donata nell'ormai lontano 1929, e ora è definitivamente in Aprica.

 

Per informazioni:

Ufficio Turistico Aprica

Tel. +39 0342 746113 - infoaprica@provincia.so.it

In Evidenza
In Evidenza
banner
Loading
Cerca Disponibilità
Cerca Disponibilità
con BestBooking
In Evidenza
In Evidenza
banner
Download Brochure
Scarica le nostre Brochure
scopri il Terziere Superiore!
Newsletter ValtellinaTurismo
Iscriviti alla Newsletter
rimani aggiornato su news ed eventi