Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo
▲ Nascondi Menù
Ambiente e Sport
Artigianato e Sapori
Colora la tua vacanza
« Torna Indietro | Il Territorio : Dettaglio

Palazzo Lavizzari di Mazzo di Valtellina

Palazzo Lavizzari di Mazzo di Valtellina

Palazzo Lavizzari si trova nel centro storico del paese, a due passi dall’antica collegiata di Santo Stefano, dal complesso chiesastico di Santa Maria e da numerosi altri palazzi appartenuti alle famiglie che contribuirono, nei secoli passati, a fare di Mazzo uni dei centri più importanti dell’Alta Valtellina.


Il palazzo si articola compatto intorno ad una corte lastricata e risulta composto da due corpi di fabbrica. Quello più antico fa angolo sulla piazza e sembra sia appartenuto alla famiglia dei Venosta di Match, insediatisi a Mazzo dopo aver ottenuto in feudo dal vescovo di Como i territori dell’antica pieve. Quello aggiunto in epoca rinascimentale disegna invece l’angolo occidentale e comprende gli appartamenti di rappresentanza dei nuovi proprietari del palazzo, i signori Lambertenghi, che lo acquisirono nel 1530.


L’ubicazione dell’entrata si deve forse a considerazioni di visibilità rispetto a un contesto diverso dall’attuale, in cui la vicina piazza era occupata dal cimitero della Chiesa di Santo Stefano e l’antica casa parrocchiale occultava alla vista gran parte del severo prospetto nord-occidentale. Ad ogni modo il portale a sesto acuto sormontato dallo stemma dei Lavizzari – successivi proprietari – e la sovrastante bifora elegantemente incorniciata costituiscono gli unici elementi qualificanti del fronte principale.


Il palazzo entrò in possesso dei Lambertenghi nel 1530 e fu un esponente di questa famiglia, Pietro Angelo, ad avviare la trasformazione in dimora signorile della struttura esistente e a promuovere l’ampliamento. Nella corte risale a questa fase di lavori la decorazione a losanghe intorno agli stemmi affrescati delle Tre Leghe, nonché il fregio a monocromo dell’androne di ingresso, datato 1543. Allo stesso giro d’anni appartiene anche la decorazione dell’ampio salone a pian terreno, con soffitto a cassettoni datato 1536, fregio dipinto con stemmi e girali vegetali e grande camino con la cappa dipinta da un cimiero con stemma araldico.


Nel 1650 il palazzo passò ai Lavizzari che ornarono alcune stanze con decorazioni pittoriche e a stucco. A loro si devono altresì alcuni inserimenti barocchi, come gli stucchi decorativi dell’androne, i balconcini interni in ferro battuto e il portalino in pietra verde che, dalla corte, consente di eccedere a quella che probabilmente era la cappella del palazzo, come farebbero pensare gli angeli affrescati del medaglione al centro della volta.

Fonte: Chiese, torri, castelli, palazzi - i 62 monumenti della Legge Valtellina. A cura di Francesca Bormetti e Maria Sassella

Per informazioni:
Ufficio Turistico Tirano
Tel. +39 0342 706066 - iattirano@valtellinaturismo.com

In Evidenza
In Evidenza
banner
Loading
Cerca Disponibilità
Cerca Disponibilità
con BestBooking
In Evidenza
In Evidenza
Download Brochure
Scarica le nostre Brochure
scopri il Terziere Superiore!
Newsletter ValtellinaTurismo
Iscriviti alla Newsletter
rimani aggiornato su news ed eventi