Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo Valtellina turismo
▲ Nascondi Menù
Ambiente e Sport
Artigianato e Sapori
Colora la tua vacanza
« Torna Indietro | Il Territorio : Dettaglio

Il Parco delle incisioni rupestri di Grosio

Parco delle Incisioni Rupestri

Un viaggio tra arte rupestre, archeologia, castelli e natura.

Situato fra i comuni di Grosio e Grosotto, nella Media Valtellina, il Parco delle Incisioni Rupestri è la più importante testimonianza del passaggio delle antiche popolazioni in Valtellina. Speciale ed unica è la cosiddetta Rupe Magna, un’estesa roccia che conserva più di 5.000 figure incise. Il Dosso dei Castelli è dominato da due castelli: il Castello Vecchio risalente al X-XI sec. ed il Castello Nuovo edificato nel XIV sec. Di grande rilevanza è anche il sistema di terrazzamenti con le tradizionali murature a secco che circondano il colle.


La Rupe Magna

Scoperta nel 1966, la Rupe Magna risulta essere una delle più grandi rocce incise dell'arco alpino con oltre 5.000 raffigurazioni, databili tra la fine del Neolitico e l'età del Ferro. Numerosi sono i temi raffigurati sulla Rupe Magna: dalle figure antropomorfe a quelle di animali, dalle figure geometriche alle coppelle, fino ad oggetti di vita quotidiana. Il simbolo del parco è un incisione che rappresenta un uomo armato di uno scudo rotondo e di una spada o bastone.


Il Castello di San Faustino e il Castello Nuovo

Sulla sommità Sud del colle sorgono i resti del Castello di San Faustino risalente al X-XI secolo. Indagini in quest’area hanno permesso di ipotizzare l’esistenza di un edificio di culto anteriore (oratorio del VII-VIII secolo d.C.). Fra il 1350 e il 1375 fu edificato il Castello Nuovo per rispondere a mutate esigenze strategiche: ne sono testimonianza la doppia cortina di mura e il poderoso donjon, la torre interna fortificata, cui era affidata l’estrema difesa del castello.


Patrimonio culturale-paesaggistico

Accanto all’importanza archeologica dell’area sulla sommità della collina, anche i pendii del Dosso dei Castelli rappresentano un perfetto esempio della tradizione locale Valtellinese di costruire sistemi di terrazzamenti con murature a secco per la coltivazione della vite. Le terrazze del Dosso dei Castelli di Grosio sicuramente non sono state ricavate prima dell’edificazione del Castello Vecchio, nell’ X-XI secolo.


Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale del Parco.


In Evidenza
In Evidenza
banner
Loading
Cerca Disponibilità
Cerca Disponibilità
con BestBooking
In Evidenza
In Evidenza
banner
Download Brochure
Scarica le nostre Brochure
scopri il Terziere Superiore!
Newsletter ValtellinaTurismo
Iscriviti alla Newsletter
rimani aggiornato su news ed eventi